Posso vendere la mia casa da solo?

26 Ottobre 2020 barbaramattei

La risposta non è così banale come potrebbe sembrare.

Per vendere un immobile c’è bisogno di:

  1. Fare una valutazione commerciale accurata dell’immobile ed individuare il giusto prezzo di mercato

  2. Analizzare attentamente tutta la documentazione e fare uno screening dal punto di vista della “pulizia” del titolo di proprietà, nonché dell’aspetto urbanistico e dello stato dei luoghi

  3. Capire come proporre l’immobile sul mercato 

  4. Definire i canali di vendita

Fare una valutazione commerciale dell’immobile significa attribuire il giusto prezzo di mercato in uno specifico momento storico. Molto spesso mi è capitato di imbattermi in clienti che non pongono il focus sul mercato, ma sulla loro necessità economica. Esternazioni come del tipo: “Io devo ricomprare ed ho necessità di una specifica somma di denaro, dunque vorrei realizzare questo importo”. Le vostre necessità finanziarie non vanno di pari passo con l’ andamento del mercato immobiliare. La buona notizia è che il vostro agente immobiliare vi può aiutare anche in questo senso. Se, per esempio, necessitate di una somma per ricomprare e vi viene comunicato che il valore commerciale della vostra abitazione è inferiore al prezzo a cui lo avete acquistato anni prima, non dovete entrare nel panico perché nel riacquisto avrete maggiore potere economico rispetto all’anno di compravendita della vostra casa. E’ essenziale sottolineare che se non si “azzecca” il giusto prezzo di mercato in prima battuta, si toglieranno all’immobile molte chance di essere venduto. Ricordate che compratori seri ed intenzionati, sono alla ricerca di immobili che si propongono seriamente sul mercato. Uscire in pubblicità con prezzi assolutamente errati, potrebbe essere uno sbaglio fatale.

Fare uno screening sul livello di compravendibilità dell’immobile è una delle fasi più delicate. I fattori da tenere in considerazione sono moltissimi:

  • Individuare la presenza di pendenze condominiali

  • Attestare la regolarità urbanistica ed edilizia

  • Fare un ispezione per evitare ci sia la presenza di ipoteche, prescrizioni, pignoramenti ecc.

  • Vagliare la conformità degli impianti

  • Periziare lo stato dei luoghi

  • Approfondire la provenienza dell’immobile

L’elenco qui sopra riportato potrebbe continuare all’infinito e questo varia a seconda delle circostanze. In questo articolo, però, vorrei solo che vi poniate la seguente domanda: “Sono davvero capace ad affrontare queste tematiche?”. Solo esperti del settore sono in grado di rasserenarvi sotto questo punto di vista. La maggior parte degli immobili in Italia sono venduti per mezzo di un’agenzia immobiliare, ma quasi tutti i privati provano in prima battuta a proporsi nel mercato da soli senza alcun risultato. Tralasciando l’obiettivo della vendita, mi preme sottolineare che fare un’analisi poco attenta degli aspetti di cui sopra, significa incappare in gravi responsabilità penali e civili.

Una volta definito il giusto prezzo di vendita e appurato che l’immobile sia compravendibile, si dovrà capire come proporre l’immobile sul mercato.  Per avere una risposta a questo quesito, si deve investigare sulle abitudini del bacino di utenza a cui l’immobile è destinato. Se l’oggetto della vendita è un immobile commerciale a reddito, sarà importante sottolineare la rendita e l’affidabilità della stessa perché l’utente finale probabilmente sarà un investitore. Mentre se  l’oggetto di vendita è una villa e si vuole aumentare il bacino di utenza, visto che solitamente si rivolge ad un mercato molto ristretto; oltre che vagliare dei mercati internazionali , si possono realizzare dei progetti/rendering che suddividono la villa in appartamenti oppure in una bi-trifamiliare per esempio. Le circostanze possono essere le più disparate, ma è doveroso considerare e allargare il bacino di utenza il più possibile per aumentare la probabilità di riuscita ed entrare in contatto con più compratori possibili.

Altro elemento essenziale è definire i canali di vendita. Capita di avere a che fare con immobili di pregio che appartengono ad una speciale nicchia di mercato e si potrebbe decidere di non pubblicizzare l’immobile tramite il canale internet. Altre volte sarà invece necessario apporre un cartello di vendita, perché l’immobile è destinato agli abitanti della zona limitrofe. Per la maggior parte dei casi la pubblicità sui diversi siti dedicati diviene un perno essenziale. Viviamo in un mondo sempre più globalizzato e il numero di contatti che un’agenzia immobiliare può avere sarà sempre di gran lunga inferiore, al pubblico che si riesce a raggiungere con una corretta e sana pubblicità.

Ritornando alla domanda iniziale, la risposta viene da sé.

Se sei alle prese con la vendita del tuo immobile non esitare a contattare un’agenzia immobiliare di fiducia che può sostenerti nell’affrontare questo percorso.

, , , ,

PER RICHIEDERE INFORMAZIONI

Per essere ricontattato compila il modulo per avere le informazioni che ritieni utili.

Confrontare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: